I 10 migliori producer italiani del 2020

Quali sono i produttori musicali più forti nella scena rap italiana? Ecco una lista dei migliori producer italiani del momento per creatività, tecnica, adattamento all’ artista e sound.

Il nostro intento non è fare una classificazione netta, ma fornirti degli spunti su quali sono secondo i nostri criteri i producer del momento che meritano di più.

1. The Night Skinny

Night Skinny ha praticato per molto tempo il mestiere del fonico ed è solo successivamente diventato producer.

Nel 2005 si trasferisce dal Molise a Milano, dove fonda l’ etichetta EdenGarden.

Negli anni acquista conoscenze e rispetto e produce gli album Metropolis Stepson, Zero Kills, City of God e Pezzi, ciascuno con collaborazioni molto importanti.

The Night Skinny, migliore producer italiano del momento.

Nell’ album del 2019 “Mattoni” riesce a riunire quasi tutta la scena italiana (sia underground che mainstream) di tutte le generazioni.

In Mattoni, Night Skinny è riuscito perfettamente a trovare il suono giusto per ogni rapper e a scegliere i featuring azzeccati.

I sample impiegati nell’ album sono inoltre molto ricercati e per niente banali.

2. Sick Luke

Figlio del rapper romano Duke Montana, Sick Luke impara da giovane il mestiere della produzione musicale.

Egli si afferma nel 2015 con la Dark Polo Gang, diventando il producer trap italiano più imitato.

Grazie a SPORTSWEAR, traccia da lui prodotta in 10 minuti (come afferma lui stesso in questa intervista di TEDx Talks) si consacra definitivamente nel panorama trap italiano.

Partendo dalla DPG arriva a collaborare con tantissimi pilastri del rap italiano ed europeo, ma anche con produttori americani.

Nell’ album con Mecna “Neverland”, Sick Luke ha dimostrato una notevole evoluzione e maturazione, con giochi di suono e sfumature molto originali.

3. 2nd Roof

Amici di quartiere di Guè Pequeno, hanno iniziato a lavorare insieme a lui sin dal primo album, per poi entrare in stretto contatto con il gruppo Club Dogo.

I 2nd Roof sono sempre stati al centro dell’ hip-hop italiano e hanno realizzato moltissime basi per Guè, Maruego, Emis Killa, Marracash, Jake La Furia e inoltre hanno molti contatti internazionali.

La forte presenza, sia nella produzione, che nella scrittura dell’ album “Mr. Fini” di Guè ha riconfermato la loro centralità nel rap game.

4. Marz

Marz, producer di anni 27, si fa conoscere da Deleterio ed entra in contatto con il circuito Roccia Music nel 2013 e quindi con molti artisti tra cui Marracash, Clementino e Fabri Fibra.

Il suo esordio è avvenuto in “Dadaismo”, album di Deleterio e poi in “Status” di Marracash, con le tracce “Il nostro tempo” e “Untitled”, sicuramente tra i pezzi dell’ album con il maggiore valore musicale.

Ad ora gli artisti più vicini a lui sono Marracash, Ernia e Rkomi.

Gli ultimi album da lui quasi interamente prodotti sono “68” di Ernia e “Persona” di Marracash, valutato da Rolling Stone Italia come il migliore album del 2019.

Marz è riuscito a portarsi a carico una responsabilità del genere e uscirne con basi eccezionali, dai suoni molto naturali e classicheggianti.

Altro album molto forte in cui vediamo la sua partecipazione è “Gemelli” di Ernia, quasi completamente coprodotto con Zef e masterizzato insieme a Emyk.

5. Chris Nolan

Chris Nolan è un produttore musicale di classe ’95 che viene da Settimo Milanese.

All’ età di 19 anni abbandona gli studi per dedicarsi alla produzione di alcuni singoli di Ghali, Izi ed Ernia.

Successivamente conosce Tedua, con cui nasce un forte legame che porterà i due a collaborare quasi totalmente, a partire dall’ album Orange Country California.

Nel 2020 ha prodotto molte tracce dell’ album “Che io mi aiuti” di Bresh, ma anche del mixtape “Vita Vera: Aspettando la Divina Commedia” di Tedua.

Ciò che distingue Chris Nolan è sicuramente la naturalezza del suo suono, con l’ adozione di strumenti e sample che riflettono questa sua caratteristica.

6. Andry The Hitmaker

Andry The Hitmaker è invece tra i producer più tecnici.

Una delle sue abilità è distinguersi nel suono, non solo dal punto di vista artistico: ogni campione musicale e ogni strumento da lui utilizzato è unico e di elevatissima qualità.

Il suo sound si avvicina molto all’ oltreoceano, spezzando rispetto agli altri prodotti.

Andry si distingue nel 2014 producendo per Gue Pequeno e poi per il prestigioso rapper Vincenzo da Via Anfossi, con una grande presenza nell’ album “Vera Impronta Popolare”.

Ad oggi fa parte di Dogozilla Empire, etichetta di Don Joe e i principali artisti con cui lavora sono Vegas Jones, Enzo Dong, Jake La Furia e Gue Pequeno.

Nel 2017 conosce Giaime e diventa il suo producer affiliato.

All’ interno dell’ EP Mula di Giaime, Andry ha dimostrato pienamente le sue enormi abilità e la singolarità del suo suono.

7. Low Kidd

Amico di vecchia data di Salmo, Low Kidd è sicuramente tra i produttori italiani più forti.

Egli inizia a collaborare nel 2014 con Machete e produce numerosi beat per Salmo, Nitro, Jack The Smoker e Bassi Maestro.

Ad oggi è il produttore di fiducia di Lazza.

Nell’ album “Re Mida” e nel “Machete Mixtape Vol 4” ha riconfermato la sua capacità di creare hit con caratteristiche peculiari e musicalità che si distaccano dal rap classico e dalla trap.

8. Crookers & Nic Sarno

I Crookers nascono nel 2003 come gruppo musicale electro-house, inizialmente composto da Phra e Bot.

Il gruppo si fa conoscere al mondo intero con numerosi remix tra cui Day ‘n’ Nite di Kid Cudi del 2008, entrato nella Billboard Hot 100.

I Crookers sono sempre stati in contatto con l’ hip-hop e hanno collaborato con Fabri Fibra e Dargen D’ Amico nel 2010 in “Fiesta Fiesta” e poi in “L’ italiano balla”, ma anche con Gue nel singolo “R.E.B.”.

Dal 2012 il nome Crookers è portato avanti esclusicìvamente da Phra.

Anche Nic Sarno ha intrapreso una strada simile a Phra, iniziando a fare il DJ di musica elettronica.

Egli diede inizio alla wave BLOG HOUSE e fu sempre in contatto con i rapper, tra cui i Chemical Brothers.

Fondò inoltre l’ etichetta MAD ON THE MOON e creò insieme a Dargen il progetto Macrobiotics.

Nel 2019 Crookers e Nic hanno conosciuto Massimo Pericolo tramite Speranza e Barracano e sentendolo rappare una strofa di “7 miliardi”, gli è venuta l’ idea di puntare sul ragazzo.

Hanno così registrato l’ album “Scialla Semper” in una sola sessione.

Dopo pochi mesi Massimo Pericolo è diventato il rapper più discusso dell’ anno, arrivando a guadagnarsi 7 dischi d’ oro e uno di platino, ma anche featuring con i suoi idoli d’ infanzia: Fabri Fibra e Marracash.

La produzione di Scialla Semper, tenendo in considerazione anche la versione Emodrill, è ineccepibile, tanto che il repack è stato annunciato da Diplo.

Le basi più meritevoli sono a nostro avviso Cocco, canzone dall’ atmosfera molto indefinita, Amici e 7 miliardi, beat aggressivo e distorsivo.

Sono da tenere in considerazione anche altre basi oltre a quelle di Scialla Semper, soprattutto Criminali, Vodka, 64 Bars di Marracash e Scacciacani: hit rimasta per quasi un anno in top 100 FIMI.

9. Charlie Charles

Charlie Charles, insieme a Sfera Ebbasta, ha letteralmente spazzato via la vecchia scuola.

Charlie Charles abbandona le superiori per dedicarsi esclusivamente alla musica e fonda il suo studio di registrazione.

Successivamente viene contattato da Sfera (che due anni prima aveva rifiutato una collaborazione) e nel 2015, dopo avere prodotto quasi interamente l’ album “XDVR” viene scritturato da Marracash nell’ etichetta Roccia Music, per poi produrre gran parte dei brani di Ghali, Tedua e Izi.

Il 2019 è stato un anno vincente per Charlie che segna una vittoria a Sanremo, oltre 2 miliardi di streaming, oltre 1,5 miliardi di visualizzazioni, 98 dischi d’ oro e 121 dischi di platino.

10. Stabber

Stabber è un produttore dal suono trasversale e distorcente.

I suoi principali collaboratori sono Coez, Salmo, Motta, Crookers, Roots Manuva, The Whip, Fabri Fibra, Starkey, Victor Kwality, Nitro, Junior Cally, Gemitaiz e molti altri.

Stabber entra a far parte degli Artificial Kid nel 2009 e si consacra con l’ album “Culto”.

Nel 2012 diventa manager di Lucky Beard Records e i suoi primi dischi d’ oro sono Occhiali Scuri di Coez e DAYTONA di Salmo.

Quest’ anno Stabber ha prodotto 7 tracce dell’ album “GarbAge” di Nitro riconfermando le sue abilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *